IL DONO E IL DISCERNIMENTO DIALOGO TRA UN GESUITA E UNA MANAGER

14.00

Autore: OCCHETTA FRANCESCO
Editore: RIZZOLI
ISBN: 9788817159531

2 disponibili (ordinabile)

COD: 9788817159531 Categoria:

Descrizione

Chi è Mariella Enoc, la donna che papa Francesco ha di recente confermato alla presidenza dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù? Lo stesso Bergoglio l’ha definita ?una leonessa?, e anche la stampa – nazionale e internazionale – ne parla spesso come di una ?lady di ferro?, una ?donna tenace?. Queste formule, però, ci restituiscono solo una parte della caratura umana e professionale di una delle più importanti manager italiane in campo sanitario. Il dialogo con il padre gesuita Francesco Occhetta ci permette invece di ripercorrere non solo la sua parabola lavorativa, ma di scoprire i nodi più significativi di un’esistenza indubbiamente ricca. Le gioie e le ferite; le speranze e le paure; le convinzioni incrollabili e i dubbi irrisolti; le battaglie vinte e quelle perse, ma comunque combattute sempre fino in fondo. Come nel tragico caso dei tentativi per non far rimuovere la ventilazione assistita al piccolo Alfie Evans. Ecco dunque che al racconto degli anni alla presidenza della Fondazione Cariplo, della Confindustria piemontese o dell’ospedale pediatrico della Santa Sede, si affiancano le esperienze del laicato, quelle nell’Azione Cattolica e nella formazione dei catechisti, gli incontri con grandi personalità della Chiesa e le riflessioni sui temi dell’etica medica o del rapporto tra azione personale, cambiamenti sociali e impegno per ricostruire la politica italiana. A emergere, tra aneddoti e immagini memorabili, è il profilo di una manager che è stata capace di non conformarsi alla cultura dominante – promossa da università e aziende – che vede nel dirigente una persona chiamata solo a far quadrare i conti, a discapito di tutto il resto. Il risultato è un volume denso, che riesce a offrire il bozzetto di una vita attraverso le scelte che l’hanno strutturata e le principali riflessioni che l’hanno ispirata. Per offrire al lettore la possibilità di sostare per interrogarsi su temi che toccano l’esperienza umana e la vita sociale.